Cento copie di un romanzo si stampano con 750 euro

Dai libri con la copertina morbida a quelli cartonati, dai manuali di cucina alle tesi di laurea, dalla pubblicazione dei bilanci aziendali a quella di fumetti, annuari, opuscoli con proseliti religiosi e non, dalle raccolte fotografiche ai calendari osé o della parrocchia, fino alla realizzazione di vere e proprie collane in tutto e per tutto simili a quelle delle grandi case editrici. I servizi di Lulu.com si sono sviluppati nel tempo - secondo le ferree ma redditizie regole del marketing anglosassone - fino a conquistare l’intero campo dei servizi tipografici ed editoriali. Manca poco e, chissà, l’aspirante scrittore potrà comprarsi anche la correzione delle seconde e terze bozze o la traduzione del proprio libro in bulgaro o in cantonese. Per adesso, cento copie in tascabile del vostro romanzo di duecento pagine, senza foto e con rilegatura termica, vi costeranno più o meno 750 euro. Moltiplicate per quattro se volete un bel volume commerciale con copertina rigida. Se avete materiali multimediali, il costo di «pubblicazione» un CD o un DVD sarà, all’incirca, di 6,30 euro a copia (a scendere col variare del supporto e della tiratura). Potete pure garantire al vostro libro l’importantissima tracciabilità - su scala mondo - di magazzino e di distribuzione assegnandogli un codice ISBN. Su ilmiolibro.it, invece, i prezzi si smorzano un poco, ma con essi anche l’offerta: i formati e le rilegature disponibili diminuiscono vistosamente, tanto che non ci si può sbizzarrire a «vestire» troppo il proprio libro. Anche i servizi e l’appeal complessivo stentano a reggere il confronto col sito concorrente: la community di Lulu.com è molto trasversale e la sua «invenzione» dell’editoria on line, gratis o a pagamento a vostro piacere, ha un sapore più «cosmopolita». Tanto da attirare quelle firme, come Giuseppe Genna, che hanno una smaliziata esperienza nel propagarsi in Rete. E certo anche in libreria.