Cento ovuli in pancia: arrestato nigeriano

Tentava di introdurre in Italia un chilogrammo di cocaina pura, dal valore complessivo di circa 500 mila euro, ma al suo arrivo all’aeroporto di Ciampino, da Charleroi (Belgio), è stato arrestato dai finanzieri del Comando gruppo aeroporti Fiumicino con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti. A tradire A.N., nigeriano trentenne, alcune risposte contraddittorie fornite ai militari che lo avevano fermato per un controllo nello scalo romano. Il suo improvviso malessere ha ulteriormente insospettito i finanzieri che lo hanno subito accompagnato nel pronto soccorso dell’ospedale San Giuseppe di Albano Laziale dove è stato soccorso e ricoverato. A confermare che i sospetti dei militari non erano infondati sono stati gli accertamenti radiografici: la presenza nella cavità addominale di ben 100 ovuli, contenenti in totale un chilo di cocaina con la quale si potevano confezionare 25.000 dosi di droga.