Cento di questi supergulp!

Gli eroi di carta occupano per tutto il fine settimana la sede storica della fiera di Milano e per la quindicesima edizione del Salone del fumetto, dei cartoons, del collezionismo e dei games, hanno fatto le cose in grande: 150 gli espositori più una miriade di presentazioni e di eventi per stuzzicare la gola degli appassionati di ogni età (oggi e domani, a Fieramilanocity, padiglione 7 e 10, dalle 10 alle 20).
Ci sarà un omaggio al fumetto storico, con una grande mostra che celebra i cento anni del Corriere dei Piccoli (1908-1994), ma anche al mondo delle figurine (comprese quelle in bianco e nero degli anni Trenta), senza dimenticare il papà della Linea, il milanese Osvaldo Cavandoli scomparso lo scorso anno. E poi ancora incontri tra editori, autori (come il milanese Andrea G. Pinketts) e fumettisti di fama, come Bruno Bozzetto.
Anteprime di ogni genere: da Kindom Hearts, il primo titolo della serie Disney Manga, a Huntik, la nuova creatura di Igino Straffi, già artefice del successo delle Winx. L'angolo del collezionista accontenta chi cerca i pezzi rari mentre gli amanti delle sfilate con il costume del proprio eroe a fumetti arrivano da tutta Italia per approdare a Cosplay City, area del Salone fatta apposta per loro. Tra laboratori per ragazzi e mostre per adulti (come quella dedicata al fumetto erotico di Leone Frollo), ampio spazio è riservato al genere giallo: il pubblico del Salone conoscerà in anteprima Jan Dix, nuovo investigatore di casa Bonelli, e Cornelio, personaggio della Star Comix ispirato a Carlo Lucarelli.
In tutto sono 150 gli espositori (case editrici, associazioni, scuole, testate specializzate e negozi) nella 15/a edizione della rassegna: già ieri centinaia di visitatori - molti i giovanissimi - hanno preso d’assalto gli stand, dove si spazia dai manga, il fumetto giapponese, fino alle produzioni colte alla Hugo Pratt, dalle serie più popolari al genere umoristico della striscia.
E se siete convinti che il fumetto piaccia solo ai ragazzini, ecco il parere di due insospettabili «fumettari»...