Centocinquanta opere per fare il giro del pianeta

«Sfere del cielo, sfere della terra. Globi celesti e terrestri dal XVI al XX secolo» è ospitata dal Museo Correr (San Marco 52, 30124 Venezia; ingresso da piazza San Marco, Ala Napoleonica, Scalone monumentale; call center 041-520.9070) fino al 29 febbraio 2008. È la prima mostra in Italia dedicata esclusivamente a questo tema, affascinante sia dal punto di vista storico-artistico, sia da quello dell’evoluzione scientifica. Curata da Marica Milanesi e Rudolf Schmidt, presenta 142 opere, provenienti dal Museo Correr, dalla Biblioteca Nazionale Marciana e da collezioni private importanti, tra cui quella dello stesso Schmidt, membro della «Internationale Coronelli - Gesellschaft fuer Globen - und Instrumentenkunde» (Società Internazionale Coronelli per lo studio dei Globi). Tra i punti di forza della mostra è l’eccezionale scoperta di Marica Milanesi nella collezione Correr dell’unico esemplare montato esistente al mondo di un prezioso e rarissimo globo cinquecentesco del cartografo Livio Sanudo (1520-1576) che si credeva perduto, ma il principale protagonista è il frate veneziano Vincenzo Coronelli (1650/1718), geografo, cartografo, inventore, editore e uno dei più famosi costruttori di globi del XVII secolo. Strumenti scientifici e macchine favolose, i suoi globi, generalmente in coppia (celeste e terrestre), ornavano le biblioteche di monasteri, di studiosi, di principi e sovrani. Orario 9-17 (biglietteria 9-16); info mkt.musei@comune.venezia.it; biglietti: intero 12 euro, ridotto 6.5. Catalogo Electa, pagine 114, euro 25.