«Centopassi», l’etichetta dalle ex terre della mafia

Cento passi, quelli tra la casa di Peppino Impastato e l’abitazione del boss Tano Badalamenti a Cinisi, nel palermitano. Da qui il film di Marco Tullio Giordana. E «Centopassi» si chiama il primo vino prodotto nelle terre confiscate alla mafia, 42 ettari nell’Alto Belice corleonese. L’etichetta, presentata a Vinitaly, è un Catarratto in edizione limitata (15mila bottiglie). È stato siglato un accordo per distribuire le bottiglie in enoteche e ristoranti di Manhattan.