La centrale di polizia non apre: è fuorilegge

Ottobre 2003. Questa data poteva segnare l’epilogo di una bella storia e invece ha determinato l’inizio e, contemporaneamente, la fine di chi sperava di poter finalmente lavorare in un luogo migliore e in condizione dignitose, dopo aver lasciato angusti e oscuri bugigattoli, totalmente inadeguati innanzitutto alle persone e poi all’importanza delle attività che vi si svolgono. Sulla porta della centrale operativa trasmissioni (Cot) della questura, infatti, non sta scritto «Lasciate ogni speranza voi ch’entrate», ma la sostanza, per chi ci lavora, è questa. La segreteria sindacale milanese dell’Uilps (Unione italiana lavoratori polizia di stato) ci fa notare come, sin dall’inizio (...)