Centrale turbogas: la sinistra si spacca

La giunta regionale ha espresso parere favorevole alla realizzazione della centrale turbogas di Aprilia. Spetterà oggi al ministro per lo Sviluppo economico, Pierluigi Bersani, nel corso della conferenza dei servizi, decidere sulla costruzione del nuovo impianto da 400 megawatt di potenza. «A questo punto si rischia di aprire una crisi- dichiara il segretario regionale dell’Udc Luciano Ciocchetti -. La Giunta regionale esprimendo parere favorevole alla centrale di Aprilia in assenza dei rappresentanti dei Verdi e del Prc dimostra di essere al suo interno fortemente spaccata. Invece di rinviare la decisione il governo regionale ha deciso tout court che la centrale si deve fare e questo nonostante la contrarietà di una parte rilevante della sua stessa maggioranza. È lecito dire - conclude - che la coalizione che sostiene Marrazzo sta andando in pezzi». In merito, Ivano Peduzzi, capogruppo Prc, Alessio D’Amato, capogruppo Ambiente e Lavoro, Enrico Fontana e Peppe Mariani, consiglieri dei Verdi, sostengono che «la centrale non rappresenta la volontà delle popolazioni locali contrarie alla costruzione dell’impianto energetico e che non rispetta la volontà del consiglio regionale, il quale nella seduta del 10 dicembre 2003 approvò la mozione numero 456 che impegnava la giunta a sospendere la realizzazione della centrale». «Bene hanno fatto gli assessori Nieri, Tibaldi e Zaratti - concludono - a manifestare il loro dissenso non partecipando alla giunta».