Il «Centro» di Biasotti: «I moderati con noi»

È l’ultima arrivata nella coalizione di Sandro Biasotti ma ha grandi ambizioni: la lista «Centro» nata dall’accordo tra Democrazia Cristiana e Partito liberale italiano si presenta agli elettori con un simbolo che contiene gli stemmi storici dei due movimenti e un richiamo a due partiti tradizionalmente moderati: «Siamo sempre stati il centro e continuiamo ad esserlo - spiega Claudio Canepa segretario regionale del Pli -. Il vero centro è sempre stato antagonista alla sinistra ed è per questo che i nostri obiettivi e valori corrispondono a quelli del candidato alla presidenza Sandro Biasotti. Chi ha tradito i suoi valori è stata l’Udc, i moderati non guardano a sinistra: non succede in nessuna parte del mondo».
Un accordo che soddisfa Biasotti che sprona i candidati di Dc e Pli a darsi da fare in queste quattro settimane e mezzo che separano la Liguria dal voto regionale: «Ci aspetta un grande lavoro da fare insieme per raggiungere un traguardo storico e ridare speranza ad un territorio che sta morendo. Per la Liguria è l’ultima chiamata: so che voi siete i veri moderati, il vero centro e che gli elettori dell’Udc sapranno premiarvi - commenta il deputato Pdl -. Ho sempre detto che non avrei mai chiuso la porta a nessuno se vi è condivisione nei programmi e nei valori: oggi sono certo che una vostra buona affermazione può essere determinante per vincere».
A guidare la lista nella provincia di Genova sarà Nicola Bisso, imprenditore che ha lasciato l’Udc dopo la svolta a sinistra del partito: «Puntiamo al 4 per cento, possiamo essere decisivi in questa battaglia», commenta Bisso. A Savona è candidato anche il presidente del Savona Calcio Maurizio Bosio, ad Imperia l’ex assessore della provincia di Genova Anna Maria Panarello, alla Spezia c’è Marco Vassalli libero professionista. Diversi giovani hanno scelto di candidarsi con «Centro»: solo a Genova ci sono otto under 35.