Centro congressi dell’Eur: un passo avanti in consiglio

I capigruppo dell’opposizione all’attacco

È sempre più vicina la realizzazione del Centro Congressi di Massimiliano Fuksas: il Consiglio comunale, presente in aula il sindaco di Roma Walter Veltroni, ha approvato ieri la delibera che dà il via agli schemi di convenzione tra il Comune di Roma e Eur Spa, propedeutici alla realizzazione della struttura. L’opera riceverà il finanziamento di 60 milioni di euro provenienti dai fondi per Roma Capitale e di altri 60 che saranno dati in un secondo momento; in più ci saranno i proventi della realizzazione dell’albergo che sarà di proprietà di Eur Spa. Eur Spa inoltre si impegna a mettere le risorse mancanti per raggiungere i 274 milioni di euro, costo complessivo dell’opera. Oltre a ciò, «una convenzione - spiega l’assessore ai lavori pubblici Giancarlo D’Alessandro - prevede di dare il diritto di superficie degli spazi pubblici a Eur Spa: la parte cioè dove sorgerà il Centro Congressi e i posteggi, 1.700 in tutto, che saranno realizzati sotto piazzale Marconi e viale della Civiltà del Lavoro. Di questi parcheggi Eur Spa gestirà anche i proventi». Nella delibera è prevista anche una clausola di dissolvenza: «se cioè dopo 90 anni - dice l’assessore - periodo in cui Eur Spa dovrà garantire la funzione congressuale, la società decidesse di convertirla ad altro uso, dovrà restituire all’amministrazione i soldi che questa ha messo attualizzandoli».