Al Centro Dino Ferrari, una serata per la ricerca

Due Ferrari d'epoca e la mitica 599 Fiorano, facevano l'altra sera gli "onori di casa" nel cortine di Palazzo Cusani, sede del Comando Militare di Milano e Lombardia, per la prima volta eccezionalmente aperto per gli Amici del Centro Dino Ferrari, grazie alla squisita ospitalità e cortesia, il suo comandante, il generale di brigata Camillo De Milato. Una sede prestigiosa dunque, per l'annuale Galà Benefico, organizato come ogni anno dalla Associazione Dino Ferrari del Dipartimento Scienze Neurologiche dell'Università di MIlano e dalla Fondazione I.R.C.C.S. Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico. Si è ballato sulle note anni '60/80 del Dj Marco Marco Ossanna, dai Beatles ai Village People, si è cenato nella sala delle bandiere e poi nelle altre stanze della storica dimora settecentesca si è discusso e conversato sui temi della più recente attualità.

Palazzo Cusani fu eretto da Giovanni Ruggeri nel 1719; il Piermarini lo arrichì verso la parte del giardino di uno scalogne magnificente con paraste e lesene. Al suo interno gli ospiti hanno potuto ammirare affreschi del Tiepolo del 1740 insieme agli arredi di palazzo reale e Ca' Morosini di Venezia. A fare gli sono stati il Presidente Marialuisa Trussardi, il past presidente Alberto Rusconi: numerosi gli ospiti generosi, da Ferruccio De Bortoli a Giorgio Schon, da Vittorio Feltri a Bob Kriger, da Alberto Cordero di Mente Zemolo a Bruno Tabacci. E ancora, Barbara D'Urso, Daria Pesce, Adriano e Laura Teso, Claudio e Giuliana Dompè, da Finazzer Flory ad Antonio Gavazzeni ai quali si sono aggiunti Gaia Trussardi, Gabriella, Giuliana e Claudio Dompè, tutti soci dell'Associone di via Francesco Sforza 35, come anche Alessandro Sallusti, direttore de IlGiornale, Daniela Santanchè, i Recordati, i Pirelli, il Gruppo Fondairia Sai e l'Ubi Banca, la Fornaroli Polimeri, la Coeclerici.

Il direttore del Centro Dino Ferrari, Marco Bresolin, ha spiegato i due nuovi progetti di ricerca scientifica nel campo delle malattie neuromuscolari e neurodegenerative possibili grazie a strumenti quali l'ultra micriotomo power tomexl e il biodexsystem 4, grazie ai quali si possono allestire preparati biologici e misurare la forza muscolare di bimbi distrofici dopo il trapianto con cellule staminali autologhe. In rappresentanza del presidente del Senato Renato Schifani, la dottoressa Tiziana Ferrari, curatrice della collezione d'opere del senato è stata chiamata sul palco dalla presidente Maria Luisa Trussardi per consegnare i tre volumi dal titolo , al generale De Milato, a Vittorio Feltri e ad Anita Garibaldi per il loro contributo all'associazione. Una tavola rotonda fra Vittorio Feltri, Ferruccio De Bortoli e VIttorio Sgarbi ha arricchito la serata con un dibattito impegnato che ha visto al centro dell'interesse la situazione politica italiana, lo scandalo Dominique Strauss-Kahan, la situazione medio-orientale e la crisi economomica.