Il centro resta a secco: chiuso un benzinaio su quattro

I benzinai in zona 1 ovvero il centro storico, sono praticamente spariti: uno su quattro ha chiuso. I punti di riferimento di ogni guidatore sono emigrati oltre la cerchia dei Navigli o ancora più spesso la circonvallazione esterna. Dei quarantina di distributori nel cuore della città - su un totale di 300 in tutta Milano - negli ultimi mesi ne sono scomparsi già una decina. Cancellato dalle mappe cittadine il distributore - autolavaggio di viale Crispi, spazzati via quelli storici dei Bastioni di Porta Venezia, sostituiti dalle piste ciclabili. «In questi casi - spiega Paolo Uniti del Figisc Milano, la Federazione Italiani Gestori Impianti Stradali Carburanti - le pompe di benzina si trovano su aree demaniali su cui Palazzo Marino ha sviluppato i propri progetti come la pista ciclabile. Purtroppo però il Comune non ci ha avvertito dei suoi piani, né ha proposto una sede alternativa, ma un giorno ha fatto chiudere gli impianti per fare i lavori». Nella stessa zona a rischio il distributore storico Tamoil di piazzale Baiamonti.