Dal centrodestra un ordine del giorno contro il «ricatto»

Un invito al sindaco e alla giunta «a respingere il ricatto del ministro Fioroni che agisce con mezzi violentissimi per costringerci a fare a meno dei regolamenti. Si chieda al governo soluzioni di diritto secondo criteri di pari opportunità». È il contenuto di un ordine del giorno presentato ieri in aula a palazzo Marino dal consigliere di Forza Italia Aldo Brandirali e firmato da tutto il centrodestra. «Considerato che il Comune di Milano accoglie i bambini nel sistema educativo - si legge nell’ordine del giorno - indipendentemente dalla regolarità della posizione dei loro genitori, e questo avviene da parecchi anni, vogliamo ricordare che gli asili si differenziano dalla scuola dell’obbligo perché non sono garantiti a tutti per principio» e che «è il Comune di Milano che fa lo sforzo di creare posti sufficienti». Un odg che serva inoltre a «riaffermare che la clandestinità dei genitori non può costituire criterio per dare sempre la mensa gratuita e per assegnare l’asilo vicino a casa senza sapere quale casa».