Centrodestra, prove tecniche di partito unico

Stamani si riunisce la prima assemblea regionale degli amministratori della Cdl. Gallera: «Valorizziamo ciò che ci unisce»

Oggi a Milano prove tecniche di partito unico del centrodestra. Un’idea che piace a molti, ma che ha bisogno di passi concreti per guadagnare spazio. L’appuntamento è per questa mattina alle 9.30 al Palazzo delle Stelline in corso Magenta 61 dove si terrà la prima Assemblea regionale degli amministratori locali della Casa delle libertà patrocinata dall’Anci Lombardia.
Partecipano i coordinatori regionali Cristiana Muscardini (Alleanza nazionale) e Domenico Zambetti (Udc), il vice-coordinatore regionale di Forza Italia Maurizio Bernardo, il capogruppo regionale azzurro Giulio Boscagli, il vice-capogruppo regionale dell’Udc Gianmarco Quadrini, l’onorevole Mario Valducci, responsabile nazionale Enti locali di Fi, l’onorevole Osvaldo Napoli, vicepresidente nazionale dell’Anci, il sindaco di Milano Gabriele Albertini, quelli di Cantù Tiziana Sala (Lega Nord), di Como Stefano Bruni (Fi), di Arese Gino Perferi (Udc), i sindaci, gli assessori e i consiglieri dei comuni lombardi della Cdl.
«In questo momento in cui a livello nazionale e regionale i partiti della Cdl sembrano più impegnati a sottolineare ciò che li differenzia rispetto a ciò che li unisce - spiega Giulio Gallera, vicepresidente di Anci Lombardia e assessore di Fi a Palazzo Marino -, le centinaia di sindaci, assessori e consiglieri comunali lombardi della Cdl si riuniscono per lanciare un messaggio di unità e di coesione. Noi amministratori locali, mettendo da parte le appartenenze, quotidianamente lavoriamo per migliorare la qualità della vita dei cittadini lombardi, cercando di ripagare la fiducia che migliaia di elettori ci hanno dato. Perché il nostro Paese continui a migliorare è necessario che anche a livello nazionale e regionale i rappresentanti della Cdl ritrovino le ragioni della coesione e dell’armonia predisponendo e attuando un programma di sviluppo per i prossimi cinque anni di governo. Questo convegno rappresenta di fatto la prima grande mobilitazione in vista delle prossime elezioni politiche e amministrative che, proprio a partire da Milano, metteranno alla prova la forza e la compattezza della Cdl».