Cesare Battisti «Piuttosto che tornare in Italia mi uccido»

L’ex terrorista Cesare Battisti si dice pronto a togliersi la vita piuttosto che tornare in Italia. «Non andrò in Italia, non arriverò vivo in Italia, ho troppa paura. Ci sono cose che si possono ancora scegliere, come il momento della propria morte», ha detto in un’intervista alla tv franco-tedesca Arte. Battisti è in carcere in Brasile in attesa di sentenza sulla propria estradizione. «Non penso che lascerò scegliere la mia morte agli altri, all’ingiustizia del governo italiano» ha aggiunto Battisti. L’ex terrorista dice poi di vivere molto male la reclusione e ribadisce la sua innocenza: «Dopo 30 anni mi mettono in prigione per crimini che non ho mai commesso. Non ho mai ucciso, ma ho fatto parte di un’organizzazione armata»