CESARE PAVESE I luoghi e i libri

In programma anche una mostra di opere ispirate ai suoi romanzi

La Casa delle Letterature insieme con la Fondazione Cesare Pavese, rende omaggio all’autore di La luna e i falò, aprendo l’anno del centenario della sua nascita, con una serie di iniziative che andranno da domani al 23 aprile, col titolo «Il mestiere di vivere». Pavese, nato il 9 settembre 1908 a Santo Stefano Belbo, anche e soprattutto per le nuove generazioni, continua a essere un autore tra quelli che si posero di fronte a domande radicali al centro dell’esperienza artistica, civile, umana e intellettuale del Novecento. Si inizieranno le celebrazioni domani con una tavola rotonda sullo scrittore a cura di Fabio Pierangeli e Maria Ida Gaeta: introduce Giulio Ferroni e intervengono Arnaldo Colasanti, Daniela De Liso, Roberto Gigliucci, Cristiana Lardo, Anco Marzio Mutterle, Gianni Venturi. Segue la proiezione in anteprima del film Cesare Pavese. Gli amici regia di Andrea Icardi, cui saranno presenti Franco Ferrarotti, Carlo Lizzani, Mario Motta, Achille Occhetto. In serata quindi inaugurazione della mostra «Cesare Pavese: le colline e il sole» dove vengono esposte opere di diversa natura e di diverso formato, nate dall’interpretazione dei libri di Cesare Pavese e raccolte grazie a un concorso internazionale bandito dalla Fondazione Pavese. La mostra, è accompagnata da un catalogo e dall’esposizione della rassegna completa delle opere di Cesare Pavese in prima edizione.
L’opera di Pavese può collocarsi tra realismo e simbolismo lirico. La realtà delle sue Langhe e della Torino della vita adulta diventa teatro delle proiezioni interiori, del disagio esistenziale, dei miti immaginativi, della ricerca di autenticità, delle ossessioni psichiche. In tale situazione l’arte finisce per apparire sostitutiva dell’esperienza reale («ho imparato a scrivere, non a vivere») e assieme lenitiva, ma incapace di esorcizzare il dolore. Le celebrazioni avranno gli altri appuntamenti mercoledì 2 aprile, «E d’accanto mi passano femmine», testimonianza e letture teatrali di Marco Baliani, introdotte da Fabio Pierangeli con Laurana Lajolo. Giovedì 3 aprile si parla di Pavese a teatro con interventi di Giovanni Antonucci, Claudio Ascoli, Renato Nicolini e Fabio Pierangeli. Mercoledì 23 aprile sarà la volta di Pavese al cinema con Un paese ci vuole, regia di Vanni Vallino: saranno presenti Nino Castelnuovo e Iaia Forte.