Cesare la vuole Hu Jintao no

«Ave! Vicipaedia opus commune est». Così la versione in latino di Wikipedia, l’ormai famosa enciclopedia on-line, accoglie gli internauti. L’edizione latina, Vicipaedia appunto, conta oltre «super decem miliam paginarum», ben 10.694 voci da consultare. Molto meno dell’edizione inglese o italiana naturalmente, ma comunque un numero elevato, a dimostrazione che tra gli internauti la lingua di Cicerone è tutt’altro che morta. In Cina invece, come denunciò Reporter Sans Frontier, Wikipedia è uno dei siti più volte finiti nel mirino della censura del regime. Probabilmente per la presenza di voci poco gradite ai potenti di Pechino, come quella sul Tibet, il sito dell’enciclopedia è stato più volte oscurato e reso inaccessibile agli utenti cinesi.