Cgil, Cisl e Uil chiedono un nuovo paniere e contratti triennali

Contratti triennali, nuovo paniere per il calcolo dell’inflazione e aumenti decisi anche a livello territoriale. Sono questi i cardini del documento unitario sulla riforma dei contratti che Cgil, Cisl e Uil hanno messo a punto e che approveranno ufficialmente domani nelle rispettive segreterie. Il nuovo paniere servirebbe ad avere un’indicazione di inflazione «più realistica». La proposta è di sostituire l’attuale indice dei prezzi al consumo con l’indice armonizzato dei prezzi per i Paesi dell’Unione europea, maggiorato di una quota che misuri l’effetto dei mutui per l’acquisto di case di abitazione. Particolarmente delicato il capitolo sulla contrattazione di secondo livello. I sindacati puntano ancora su incentivi fiscali al livello territoriale, che Confindustria, invece, non vede di buon occhio.