Champions, magie Benitez Il Liverpool aspetta in finale

I reds in finale per la seconda volta negli ultimi tre anni. Superato ai rigori il Chelsea di Mourinho che ha lasciato Shevchenko in tribuna: è polemica. Stasera Milan-Manchester: <strong><a href="/sondaggio.pic1?PID=10" target="_blank">chi raggiungerà il Liverpool in finale? Vota</a></strong> 

Liverpool - Servono i tempi supplementari per decidere la prima finalista della Champions League 2006-'07. Ad Atene il 23 maggio ci sarà il Liverpool per la seconda volta negli ultimi tre anni. L’eroe della serata è il portiere spagnolo Reina, capace di parare due rigori dopo 120 minuti di gioco, a Robben e Geremi. Il Liverpool passa ancora dal dischetto e come nella finale contro il Milan ad Istanbul nel 2005 in campo c’è l’arbitro Mejuto Gonzalez. Esce di scena il Chelsea che dopo avere abdicato in campionato (a tre giornate dalla fine il Manchester United è a +5 in classifica) saluta pure l’Europa, con grande disappunto del patron Abramovich. Shevchenko è in tribuna e resta il dubbio se la sua assenza sia davvero dovuta ad un problema muscolare, mentre si rincorrono voci di liti con Mourinho.

La gara La partita durante i tempi regolamentari è stata a lungo nelle mani del Liverpool che ha dominato nel possesso palla e complessivamente ha meritato di accedere alla finale. Il gol dei reds per impattare quello subito a Londra è arrivato abbastanza presto, al 22’, grazie a un’intuizione di Gerrard che su punizione ha servito un pallone rasoterra ad Agger. Il tiro di prima intenzione del danese ha sorpreso Cech e portato in vantaggio il Liverpool. All’inizio della ripresa i padroni di casa hanno due occasioni per chiudere la partita. Al 10’, su un cross di Pennant, Crouch schiaccia verso la porta. Ma Cech, sulla linea di porta, ci mette un piede e salva. Tre minuti dopo ancora un traversone pericoloso di Riise e questa volta è Kuyt, sempre di testa, a cogliere la traversa. Al 30’ una delle poche occasioni limpide del Chelsea, con Drogba anticipato da Carragher a due passi dalla porta di Reina. Nei tempi supplementari, al 10’ della prima frazione, è ancora il Liverpool ad andare in gol con Kuyt, ma la rete è annullata per fuorigioco. Poi prevale la stanchezza e tutto si decide ai rigori. Ed il Liverpool conferma che dal dischetto è davvero implacabile.