Champions, Milan sconfitto dal Celtics La Lazio costringe al pari il Real Madrid

I rossoneri tornano sconfitti (2-1) dalla trasferta scozzese . Al 17' st Celtic in vantaggio con McManus, ma Kakà pareggia al 23'. Al 45' st McDonald segna per la vittoria dei padroni di casa. Invasione di campo nel finale, un tifoso colpisce Dida che esce dal campo in barella. <strong><a href="/a.pic1?ID=210579">La Lazio pareggia 2-2 con il Real Madrid</a></strong>

Glasgow - E’ la pioggia la vera protagonista della sfida tra Celtic Glasgows e Milan. Alla fine della battaglia - perché di vera e propria battaglia si è trattato - i rossoneri tornano a casa a mani vuote, con due gol subiti e uno solo messo a segno. Una sconfitta che pesa per l'undici di Ancelotti e che, per quel che si è visto in campo, pare una punizione eccessiva per un Milan che, tutto sommato, anche se non ha fatto vedere molto non meritava di soccombere. Gordon Strachan, il rosso allenatore degli scozzesi, schiera un centrocampo folto nel tentativo di non lasciare troppi spazi ai rossoneri. Saremo anche in Scozia ma vige la vecchia regola del calcio italiano di una volta: primo non prenderle. Ancelotti punta ancora una volta su Inzaghi, il re di coppa, supportato da Kakà e Seedorf, Bonera in difesa al posto dell’indisponibile Kaladze. Ritmi elevati nei primi quarantacinque minuti. Partita maschia ma, come nelle migliori tradizioni di queste parti, il gioco non è cattivo. L’obiettivo numero uno degli uomini a strisce bianche e verdi orizzontali è quello di non far giocare Pirlo, il cervello del Milan. Al 22’ momento di tensione tra l’ex di turno, Donati, e Gattuso, per un fallo di Brown su Nesta. Donati non ridà la palla ai rossoneri e si accende il nervosismo in campo. Ma la tensione dura solo pochi attimi. Il primo tempo si chiude sullo 0-0 senza vere e proprie occasioni da gol per le due squadre.

La musica cambia nel secondo tempo. Il Celtic passa in vantaggio al 17° della ripresa. Mac Manus sigla da un passo, sfruttando un clamoroso errore difensivo del Milan rimasto pressoché imbambolato. I rossoneri suonano la carica e, dopo appena sei minuti, rimettono il risultato in parità grazie a un calcio di rigore trasformato al 23' st da Kakà. L'estrema punizione era stata concessa per un'evidente trattenuta su Ambrosini. Il brasiliano manda la palla alla destra di Boruc.

La partita prosegue con un ritmo molto più lento, anche se rimane molto dura sotto il profilo degli scontri e della lotta fisica tra i giocatori. Non ci sono azioni particolarmente significative fino a quando, a sorpresa, al 45' del secondo tempo Coldwell sferra un tiro dalla distanza, Dida non trattiene e respinge proprio sui piedi di McDonald. Per lui è sin troppo facile infilare la palla in gol regalando la vittoria agli scozzesi.
Lo sfortunato portiere del Milan come se non bastasse deve fare i conti, oltre che con il gol subito, con la pazzia di un tifoso scozzese che, dopo aver invaso il campo si dirige verso di lui e lo schiaffeggia. Dida finisce a terra ed è costretto ad uscire dal campo in barella.