Champions: il Porto ferma il Manchester

Quarti di finale di Champions League. All'Old Trafford un Porto molto determinato schiaccia i padroni di casa: alla fine finisce 2-2. In Spagna l'Arsenal soffre ma riesce a salvarsi (1-1 sul campo del Villareal). Gol spettacolare di Adebayor

Manchester United-Porto  Finisce 2-2, brutto risultato per i campioni del mondo ma un Porto così determinato e padrone dell’Old Trafford non se lo aspettava nessuno. Il vantaggio di Rodriguez arriva subito grazie a un rinvio corto di Evans e palla indirizzata sul palo lontano di Van der Sar. Il pareggio del Man U è un regalo di Bruno Alves che nel tentativo di alleggerire per Helton serve Rooney che si trova solo davanti al portiere portoghese. Ma è sempre il Porto a dirigere e il Manchester a subire. Un paio di occasioni per il Man U ma Van der Sar compie una prodezza su Lisandro e botta dalla distanza di Cissokho. Entra anche Tevez che a un quarto d’ora dalla fine atterra in piena area il centravanti brasiliano del Porto Hulk, rigore netto. L’argentino si fa perdonare a cinque dal termine, palla sotto la travrsda su tacco di Rooney. All’88’ il pari di Mariano Gonzales, ex Inter.

Villarreal-Arsenal Quasi un’ora di sofferenza, poi l’Arsenal rimette in carreggiata la partita al «Madrigal» e porta a casa un pareggio (1-1) che regala ampie chance di qualificazione. Primo tempo dominato dal Villarreal, abili nel chiudere gli spazi e a ripartire. Il destro potente di Senna al 10’ sblocca il risultato e la reazione dell’Arsenal é solo nel tiro di Nasri deviato in angolo da Diego Lopez. La squadra di casa tiene in pugno il match, mentre gli inglesi perdono per infortunio Almunia (entra il polacco Fabianski, secondo «gettone» in Champions, bravo in una doppia parata su Senna e Capdevila) e Gallas. Nella ripresa l’Arsenal cambia faccia e prende in mano il centrocampo. Su lancio di Fabregas, arriva il pari di Adebayor con una giocata volante (stop di petto e avvitamento in rovesciata) che sorprende i difensori centrali del Villarreal. Forcing finale degli spagnoli che cercano, inutilmente, il successo.