«Ma che colpa ne hanno le povere paperette?»

Ecco cosa ci tocca leggere in pieni anni 2000, nell’occidente supercivilizzato, a due passi dalla civilissima Genova: come le istituzioni pensano di prevenire una eventuale quanto improbabile emergenza aviaria in Liguria? Facendo pulire il territorio? Monitorando eventuali volatili a rischio? Isolando i volatili domestici?
No! Semplicemente facendo morire di fame delle innocenti paperette! Infatti con un’ordinanza il sindaco di un comune rivierasco ha pensato di ordinare di non dar più da mangiare alle povere papere stanziali sul greto di un torrente, delizia dei bambini del posto! Papere non a rischio e bambini non a rischio anche perché, lanciando il cibo, non le toccano. E comunque le papere sono vive e in salute. Chiediamo pertanto al sindaco di ritirare l’ ordinanza e di farsi promotore di iniziative quali la distribuzione programmata di cibo e cure adeguate alle povere paperette e igienizzazione del territorio. Nel mentre ricordiamo a tutti come i piccioni ad esempio siano refrattari al virus dell’aviaria!!
Maria Grazia Barbieri
Presidente Pattt (Partito Animalista Traversale)