Che delizia Ian Anderson con l’orchestra sinfonica

Il satiro-Ian Anderson, messi da parte i Jethro Tull ma non il look da pirata, dà sfogo alla sua passione per la musica sinfonica rileggendo i suoi classici con il flauto, un quartetto acustico ma soprattutto con la Frankfurt Neue Philharmonie Orchestra diretta da John O'Hara. Un lavoro impegnato in cui Anderson mette in gioco tutto il suo maliardo gigionismo colorando Aqualung in undici minuti strumentali di sinfonismo puro, trasformando capolavori rock come Locomotive Breath e Life Is a Long Song in raffinati poemi cameristici. Non solo un esercizio calligrafico, ma l’esplosione della sua passione di artista onnivoro (i primi passi orchestrali risalgono ai Tull del 1968 con Christmas Song). Alcuni brani rimangono abbastanza fedeli all'originale (Wondring Aloud), altri acquistano autorità e incredibile respiro lirico (Up the Pool, Budapest). Rimarranno delusi coloro che si aspettano la consueta carica rock di Ian, ma il doppio dvd è una toccante liturgia con vette altissime nella celeberrima Bourrée bachiana e nella Pavane di Fauré. Oltre al lungo concerto, il dvd contiene un’intervista inedita ad Anderson e alcuni brani dei Jethro Tull.

IAN ANDERSON PLAYS THE ORCHESTRAL JETHRO TULL -Egea - 22 euro