Che idea: negli hotel colazione alla romana

Da domani a domenica si svolgerà la quarta edizione della manifestazione «Roma in Tavola» ospitata anche quest’anno all’interno del Tempio di Adriano in piazza di Pietra. La manifestazione è un’iniziativa della Camera di Commercio di Roma per la promozione e la valorizzazione delle produzioni tipiche di Roma e provincia. Quest’anno il filo conduttore della manifestazione sarà il cinema. Per l’intera durata dell’evento il Tempio di Adriano ospiterà una mostra aperta al pubblico e a ingresso gratuito, con proiezioni e immagini tratte da film che hanno fatto la storia della cinematografia italiana, e gigantografie legate al tema dell’agroalimentare nel cinema. Una parte della mostra ospiterà inoltre riproduzioni di rare fotografie dei primi anni del ’900 a cura della Società Geografica Italiana. Inoltre sono previste iniziative speciali. Domani è in programma una serata ad inviti dedicata ad Aldo Fabrizi in occasione del centenario della nascita, cui parteciperanno Giovanna Ralli e il figlio dell’attore. Nel corso della serata sarà proiettato il film «La famiglia Passaguai» del 1951, restaurato dalla Cineteca Nazionale. Mercoledì 26 ottobre sarà la volta della presentazione agli albergatori di «Breakfast Roma»: verranno presentate a circa 30 albergatori selezionati di strutture a 5 stelle della Capitale le possibili combinazioni dei prodotti tipici per una prima colazione romana da offrire ai propri clienti italiani e stranieri durante il loro soggiorno in albergo. Infine, il 29 ottobre la manifestazione chiuderà con la serata ad inviti «Indovina chi viene al cinema» nel corso della quale l’attore Giancarlo Giannini premierà il menù da oscar. La mostra «Roma in Tavola...attraverso 50 anni di cinema» sarà aperta al pubblico con ingresso gratuito da domani 25 al 30 ottobre prossimi dalle ore 10 alle ore 18, a esclusione dei giorni 28 e 30 ottobre per i quali la chiusura è fissata alle ore 20.
Bimbi romani a lezione

di dieta mediterranea
La dieta mediterranea arriva nelle scuole romane per promuovere tra i bambini l’educazione alimentare e interculturale: il Comune di Roma ha infatti lanciato un nuovo progetto di educazione interculturale attraverso l’alimentazione, intitolato «A tavola nel Mediterraneo: una dieta, molte culture», rivolto alle scuole dell’infanzia e alle prime classi delle elementari e a cui hanno aderito 92 scuole e 300 insegnanti. L’iniziativa, promossa dall’assessorato alle Politiche Educative del Campidoglio in collaborazione con Unicoop Tirreno e realizzata dall’Università La Sapienza di Roma e dall’Istituto San Gallicano, si propone di promuovere la dieta mediterranea nelle sue indicazioni nutrizionali, accompagnando i bambini dai 3 agli 8 anni in un «viaggio» tra giochi e lezioni attraverso le varie tradizioni alimentari e anche culturali del Mediterraneo, sulla scia di quanto già fatto per i cibi del mondo con il precedente progetto «Il mondo in un boccone». A partire da novembre i bambini delle scuole coinvolte riceveranno una cartellina contenente un opuscolo-scientifico sulla dieta mediterranea spiegato con linguaggio semplice e molte immagini e un gioco didattico, «la piramide interattiva», da riempire con i cibi dei vari Paesi. Per gli insegnanti, invece, sono previsti tre seminari di preparazione sulla dieta mediterranea, sul progetto specifico e sull’educazione al consumo consapevole. «È un progetto che parla di alimentazione - spiega l’assessore capitolino alle Politiche Educative, Maria Coscia - ma cercando di far incontrare attraverso l’alimentazione le tante culture diverse presenti nella nostra città». E se non rientra nel progetto l’introduzione di menù delle altre culture nelle mense delle scuole romane, dove già ci sono menù definiti, «le singole scuole - ha aggiunto Coscia - potranno decidere di organizzare delle giornate particolari in cui adattare i menù», introducendo magari il kebab o un piatto di cous cous.