Che risate con Abatantuono tifoso di Juve, Milan e Inter

Dovranno rassegnarsi certi critici. Con i film dei Vanzina ci si diverte un mondo. Diego Abatantuono è la star di Avati e Salvatores? Embé? Eccolo riciclato nel triplice ruolo del supertifoso di Milan, Inter e Juve, che nell’82 aveva fatto sbellicare la generazione precedente. In Eccezzziunale veramente. Capitolo secondo... me la storia si riaggancia all’altra. L’ex capo rossonero Donato, stufo del ristorante di Ibiza, torna a Milano, dove rivede la sua Ginevra (Anna Maria Barbera) e apprende di avere un figlio, Donatello: ahilui, è interista («Come se Berlusconi scoprisse che Piersilvio è comunista»). L’indebitato barista nerazzurro Franco scambia la valigetta con quella di Turi (Nino Frassica), galoppino della mafia: sarà dura sdebitarsi. Il camionista bianconero Tirzan si sveglia dal coma dopo quindici anni e trova la moglie Nunzia (Sabrina Ferilli) accasata con l’ambulante Beniamino (Carlo Buccirosso): vuol dire che vivremo in tre. Si ride di continuo, tra sproloqui lessicali e citazioni per cinefili e calciofili (complimenti al montatore che ci ha infilato il derby dell’11 dicembre) con un Abatantuono in formissima, attorniato da un giocondo cast.
ECCEZZZIUNALE VERAMENTE - CAPITOLO SECONDO... ME (Italia, 2005) di Carlo Vanzina con Diego Abatantuono, Sabrina Ferilli. 107 minuti