Che scoop Ultime frontiere della stampa Giornalista inviata nel letto di un gigolò

Washington. Il quotidiano «New York Post» ha spedito una giornalista nel letto del primo gigolò ufficiale del Nevada per far raccontare all’inviata tutti i dettagli della sua avventura nel bordello legale «Shady Lady Ranch». La giornalista Mandy Stadtmiller ha prenotato per telefono i servigi di Markus, ex marine di 25 anni, il primo gigolò, con tanto di licenza, di un bordello del Nevada. La reporter ha pagato al suo ingresso nella camera i 500 dollari (per due ore di intimità), iniziato il servizio con una doccia comune e un’«ispezione» da parte del gigolò degli organi genitali della giornalista per avere la garanzia che non vi fossero segni di malattie veneree. La giornalista è arrivata alla fine delle due ore senza consumare l’atto sessuale. «Le donne più che sesso desiderano compagnia» ha commentato Markus.