«Che vergogna, è inutile giocare»

Jacopo Casoni

da Milano

«Ci sarebbe da piangere per quello che è successo, c'è poco da aspettarsi, bisogna vergognarsi». Roberto Mancini è un fiume in piena mentre commenta la vicenda delle intercettazioni: «Sono cose di cui tutti ne hanno sempre parlato, c'erano le prove ma più di questo che bisogna fare - ha spiegato l'allenatore dell'Inter - è una cosa grave. È inutile che poi si soffra per una partita e poi dopo le cose sono state già stabilite. È una cosa molto brutta per noi che crediamo nel calcio e per le persone che mettono l'anima. Adesso basta, bisogna scegliere e dare spazio a persone oneste, altrimenti è meglio sospendere il campionato». E ancora: «Io se le cose stanno così e rimangono così non ci sto più. Non rimango in Italia con un campionato dove tutto è deciso», ha aggiunto. «Non sono d'accordo con chi dice che bisogna aspettare, capire. Da bambino sono stato tifoso della Juve, ma quella era un'altra squadra». Poi parla dell’Inter: «Secondo me, senza questa situazione, l’Inter avrebbe potuto vincere due scudetti».