Chelsea, Cole nei guai: spara a uno studente negli spogliatoi

Il giocatore ha portato un fucile ad aria compressa negli spogliatoi e, pensando non fosse carica, ha sparato a Tom Cowan, uno stagista che ha una borsa di studio per lavorare nel club inglese. Rischia fino a 5 anni di carcere.

Il difensore del Chelsea Ashley Cole, ha ferito, con un fucile ad aria compressa, uno studente, al campo di allenamento della squadra a Cobham. Lo svela il «News of the World». L'incidente è avvenuto la scorsa domenica. Una dozzina di persone hanno visto Cole portare in campo una carabina calibro 22.
Il giocatore pensando non fosse carica ha mirato verso Tom Cowan, uno studente di scienze dello sport della Loughborough University, di 21 anni, che ha una borsa di studio per lavorare nel club inglese, e ha sparato.
«È inconcepibile che un calciatore di Premier League porti un'arma all'allenamento», spiega il giornale. «Ma Ashley ha tirato fuori la carabina da una scatola e si è messo a scherzare negli spogliatoi, senza rendersi conto che era carica. Ha poi preso la mira verso Tom che stava ad un paio di metri da lui ed ha premuto il grilletto», spiega una fonte.
Cowan è stato raggiunto dal colpo ad un fianco e medicato direttamente dallo staff sanitario del Chelsea, anche se due giorni dopo ancora era dolorante per il colpo. Il direttivo del Chelsea ha tenuto una riunione di tre ore con Cowan e suo padre, Ronald, e torneranno ad incontrarsi la prossima settimana. Il club al momento non ha fatto commenti sull'incidente, ma Cole è stato severamente richiamato.
Un fucile come quello usato dal calciatore è il più grande che si può comprare, senza licenza, nel Regno Unito. Sparare a qualcuno con questo fucile, causando danni corporali, secondo la legge, può portare anche ad una pena di cinque anni di prigione.