Chelsea e Manchester tornano a vincere. City, che batosta!

Un rigore di Lampard regala i tre punti per i Blues di Ancelotti sul Portsmouth. Tutto facile per lo United (3-0 sul Wolverhampton). L'Aston Villa agguanta l'Arsenal al terzo posto. Quarto si conferma il Tottenham, che rifila tre gol al Manchester City. Zola ancora ko, ora rischia

RITORNO DI RIGORE. Torna a vincere il Chelsea di Carletto Ancelotti, che contro il Portsmouth ultimo in classifica esce da Stamford Bridge con i tre punti. I Blues non sono ancora tornati ad essere la corazzata ammirata in buona parte della stagione, ma nel turno infrasettimanale contava solo vincere e mantenere tre lunghezze di distanza dal Manchester United. Missione compiuta, anche se a fatica. È il solito Anelka a portare avanti i londinesi, ma ad inizio ripresa l'ex promessa (disattesa) del Saint-Etienne, Frederic Piquionne, fa 1-1 per i Pompeys. Ci pensa poi Lampard, a dieci minuti dal termine, a siglare il rigore del 2-1, facendosi perdonare l'errore commesso contro il Manchester City la settimana scorsa.
TRIS DIABOLICO. Se il Chelsea sale a quota 40, il Manchester United non fatica a salire a quota 37. Archiviato con rabbia il ko interno contro l'Aston Villa, gli uomini di Sir Alex Ferguson si sbarazzano facilmente del Wolverhampton. Il rigore di Rooney (12 gol in campionato) sblocca la partita, chiusa nella ripresa da Vidic e Valencia per il 3-0 finale.
ASTON «BELLA» VILLA. Sono la squadra del momento, i claret and blue di Birmingham. La storica vittoria all'Old Trafford non ha spezzato l'incantesimo e i Villans proseguono a sorprendere: due reti a Sunderland e Arsenal raggiunto a 32 punti, al terzo posto in classifica. Merito del tecnico ex Leeds Martin O'Neill e colpa dei Gunners, che non vanno oltre l'1-1 in casa del Burnley (Fabregas in rete).
ALTALENA LIVERPOOL, TUNNEL ZOLA. Torna a vincere invece il Liverpool di Benitez, che dopo sei settimane vede tornare in campo (e al gol) Fernando Torres nel 2-1 di Anfield contro il Wigan. Superato in classifica il Manchester City, che al White Hart Lane di Londra viene spazzato via per 3-0 da un Tottenham perfetto trascinato dalla doppietta di Kranjcar e dal gol del capocannoniere Defoe (13 reti come Drogba). Vicino all'esonero, invece, Gianfranco Zola. La terza sconfitta consecutiva per il suo West Ham, ora penultimo in classifica, potrebbe essergli fatale: il 3-1 in casa del Bolton concorrente diretto non è piaciuto né alla dirigenza, né ai tifosi, che cominciano ad essere preoccupati per i soli 14 punti raggranellati dagli Irons in 17 partite. Unica piccola gioia personale, quella dell'ex livornese Diamanti, autore del gol del momentaneo pareggio per il West Ham.