Chelsea in rosso. E Abramovich regala una pista di pattinaggio alla fidanzata

I conti del club londinese restano critici, intanto il patron per San Valentino ha fatto costruire per la giovane compagna Daria un complesso sportivo tutto per lei nella loro dacia a pochi chilometri da Mosca. E i tifosi mugugnano

All'amor non si comanda, soprattutto quando non si hanno problemi di liquidità. Anche se a dire il vero, nel caso specifico, migliaia di tifosi londinesi hanno mugugnato. Il fatto è che il multi milionario russo e patron del Chelsea Roman Abramovich, per festeggiare degnamente San Valentino, ha regalato alla sua fidanzatina un'autentica pista di pattinaggio artistico. Daria Zhukova, compagna «ufficiale» del magnate, ha infatti una passione sfrenata per il pattinaggio sul ghiaccio, legata naturalmente alle sue origini (molti campioni mondiali di pattinaggio artistico sono russi). Purtroppo, non riuscendo a praticare questa disciplina con continuità a causa dei frequenti viaggi per seguire il suo Roman, la giovane si dilettava ad esercitarsi con il videogioco «Stelle sul ghiaccio» - software che insegna a pattinare e, per i più bravi, a sfidarsi a colpi di piroette - già usato da Victoria Beckham e Madonna per educare i rispettivi figli alla difficile arte sportiva. Stanco di vederla un po' frustrata alle prese col computer, il generoso Abramovich ha così deciso di intervenire da par suo. E ha fatto costruire un'intera pista di pattinaggio nella loro dacia, a pochi chilometri da Mosca. La Zukhova potrà così scivolare elegantemente sul ghiaccio, al di fuori degli occhi indiscreti dei paparazzi. Non solo, pare che il magnate voglia chiedere alla fuoriclasse italiana Carolina Kostner di tenere un happening spettacolo a Mosca proprio per inaugurare nel migliore dei modi l'originale regalo. Intanto i soliti invidiosi già scommettono sui possibili costi di tale regalo. Considerando che le spese edili in Russia sono molto inferiori ai paesi dell'Europa occidentale, si calcola che l'investimento non abbia superato i 500 mila euro. Per quanto anche Abramovich abbia subito le conseguenze dei recenti crolli dei mercati finanziari, lo sforzo per il magnate non è stato affatto insormontabile. Nel frattempo, la coppia ha reso ufficiale che le nozze non sono in vista, almeno entro l'estate. E chissà, forse proprio per questo il patron del Chelsea ha pensato di farsi perdonare. E a proposito di Chelsea, il club londinese ha chiuso l'ultimo anno fiscale con perdite per ben 65,7 milioni di sterline, circa 72,7 milioni di euro. Sulla cifre, pesano i soldi che Abramovich ha dovuto sborsare per congedare gli allenatori esonerati nel corso dell'annata 2007-2008: 23 milioni di sterline, oltre 25 milioni di euro, sono serviti per indennizzare Josè Mourinho, Avram Grant e i rispettivi staff. Nel calcolo, non sono compresi i soldi che Abramovich dovrà destinare al brasiliano Luiz Felipe Scolari, appena licenziato. In curva, qualche tifoso è sbottato: più che sui pattini, il presidente dovrà continuare a spendere soprattutto per le scarpe coi tacchetti.