Da Chet Baker alla cattedra

È l’unico cantante al mondo, Lucio Dalla, che non può celare la sua età, avendole intitolato 4 marzo ’43, la sua canzone internazionalmente più nota, insieme a Caruso. Lucio la lanciò a Sanremo nel 1972: faceva musica da vent’anni, avendo debuttato bambino come cantante di operette, per poi passare al jazz suonando sax e clarino con grandi nomi come Chet Baker, e infine farsi convincere da Gino Paoli a scrivere e cantare canzoni. Tre album scritti col poeta Roberto Roversi, il mitico tour del ’79 con De Gregori, i successivi Com’è profondo il mare e Lucio Dalla resero definitivo un successo fondato anche sulla poliedricità: cantautore, cineasta, scrittore, jazzista, forte d’una laurea honoris causa, Dalla è oggi docente universitario a Urbino.