Per chi ama i sinceri liberali: Epstein

Tra i libri per gli appassionati di politica metto un classico, la distruzione di un presunto classico e, infine, un potenziale classico dei tempi a venire. Il primo è I fallimenti dello Stato interventista di Ludwig von Mises (Rubbettino), particolarmente d’attualità dove evidenzia come una società crolla quando smette di tutelare proprietà e mercato. Egualmente prezioso è il saggio di Hunter Lewis (Tutti gli errori di Keynes, edito da IBL Libri), che smonta le incongruenze e i sofismi del paradigma keynesiano. Le questioni politiche affondano però in controversie culturali, e per questo è utile leggere Scetticismo e libertà di Richard Epstein (edito da liberilibri), la cui la tesi di fondo è che una società può crescere e svilupparsi solo se l’area della libertà e del contratto cresce a scapito di quella dello Stato e della coercizione.