Chi cambia arredo non paga il 20% di Irpef per spese fino a un tetto di 10mila euro

I vantaggi per chi acquista mobili consisterebbero in una detrazione Irpef del 20% riservata solo a chi dichiara la ristrutturazione dell’abitazione e già usufruisce quindi delle agevolazioni fiscali legate ai lavori rinnovate nella scorsa manovra Finanziaria. La detrazione sarebbe calcolata su un importo massimo di 10mila euro e avrebbe valore per gli acquisti effettuati tra il primo gennaio e il 30 settembre 2009. Il settore legno-arredamento è uno dei caposaldi dell’economia del nostro Paese, ma ha chiuso un 2008 negativo dopo due anni di congiuntura positiva e non si attendono cambiamenti significativi per il primo semestre 2009. Il fatturato alla produzione è sceso del 4,5% portando il valore complessivo prodotto a poco meno di 38 miliardi, secondo i preconsuntivi del Centro studi Cosmit Federlegno-Arredo. In particolare per quanto riguarda l’arredamento, il fatturato alla produzione sfiora i 23 miliardi di euro, in calo del 3,4%; si tratta della media fra una diminuzione del 4,9% sul mercato interno e un calo delle esportazioni dell’1,3%, che segue però una crescita dell’8% fatta registrare lo scorso anno e che quindi rappresenta un confronto con un andamento molto positivo. Le importazioni si sono ridotte invece del 2% raggiungendo quota 2,6 miliardi di euro, livello che porta il saldo commerciale a oltre 9,2 miliardi.