CHI ÈUn pendolare della pittura tra Firenze e Roma

Francesco Salviati, pseudonimo di Francesco de' Rossi, nacque a Firenze nel 1510 e morì a Roma nel 1563. La sua prima educazione pittorica ebbe come modelli Michelangelo e Andrea del Sarto, poi, in seguito a un viaggio a Roma nel 1531, si avvicino alle novità di Raffaello. Viaggiò spesso nella capitale, risiedendovi quasi continuativamente tra il 1548 e il 1563, e lavorando a numerosi affreschi, tra cui si ricordano quelli delle «Nozze di Cana» nell'Oratorio dei Piceni, la «Natività del Battista» nell'Oratorio di San Giovanni Decollato, le «Storie di David» a Palazzo Sacchetti ed il ciclo dei «Fasti farnesiani» a Palazzo Farnese. Fu Salviati, insieme a Giorgio Vasari, a recuperare i tre pezzi del braccio del David di Michelangelo che era stato danneggiato durante i tumulti del 1527 a Firenze, contro i Medici.