Chi è recidivo rischia il carcere

«Truccare» la targa è sì un gioco da ragazzi, ma le conseguenze sono molto gravi. Per il reato di contraffazione della targa si rischia una denuncia penale che, nella maggior parte dei casi e in assenza di precedenti, si risolve con una multa di qualche migliaio di euro (l’ultima sentenza è stata di 3.500 euro). Chi ha precedenti, invece, o ha clonato la targa - operazione che comporta anche la contraffazione del numero di telaio del veicolo - rischia il carcere. La pena, in questo caso, viene decisa di volta in volta.