Chi si abbona a treno e bus recupera il 19 per cento

Continua lo sconto fiscale, sotto forma di detrazione al 19 per cento, delle spese per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, anche per i familiari a carico, fino a un importo massimo di 250 euro.
Tra le novità che alleggeriscono la dichiarazione 2009 compaiono inoltre gli effetti dei provvedimenti anti-crisi decisi dal governo. Primo fra tutti, il bonus fiscale sugli straordinari e i premi di produzione ai dipendenti del settore privato, che ha introdotto un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali regionale e comunale pari al 10% sulle somme percepite dal primo luglio 2008, nel limite di 3mila euro.
L’agevolazione è concessa a quanti nel 2007 non abbiano superato i 30mila euro di reddito lordo ed è valida anche per le prestazioni supplementari svolte dai lavoratori part-time. Inoltre, i nuclei familiari a basso reddito possono richiedere il cosiddetto «bonus famiglie», un contributo straordinario che varia da un minimo di 200 euro a un massimo di mille euro, in ragione della fascia di reddito e del numero dei componenti.