«Chi vuole far soldi non entri in politica»

Discorso difficile quello che il sindaco di Milano Letizia Moratti dovrà tenere oggi in consiglio comunale. Al centro del suo intervento infatti il caso Pennisi, e la necessità di porre attenzione nel compilare le liste elettorali. Alla domanda se questo significhi non candidare chi è coinvolto in vicende giudiziarie la Moratti ieri ha risposto: «Certo. Ovviamente - ha subito aggiunto - bisogna avere cautela perché questo può essere utilizzato contro le persone e diventare uno strumento di discriminazione politica». Il sindaco ha quindi spiegato che il suo «è più un appello di tipo etico. Chi scende in politica deve essere disponibile a sacrifici, e sapere che la politica è al servizio dei cittadini e chi vuole avere una carriera che porta denaro - ha concluso - forse non sceglie di entrare in politica».