Chiambretti: vicino il salto a Canale 5

POLIZIESCO New York. Tre teppisti entrano nella casa del mite ingegner Paul Kersey (Charles Bronson), gli massacrano la moglie e gli violentano la figlia. Lo sgomento vedovo, pur se progressista e obiettore di coscienza, non tarda a cambiare sponda ideologica dopo che la polizia fa spallucce alle sue sollecitazioni. Revolver in tasca, si aggira con aria truce nei giardini pubblici, in attesa della prima provocazione. Appena gli si avvicina un capellone con coltello puntato in cerca di un portafoglio, pum gli spara addosso senza tanti complimenti. Il popolo si eccita alle sue imprese (come la platea quando il film uscì nelle sale), la polizia è imbarazzata, ma accetta volentieri in omaggio dieci banditelli orizzontali. Violentissimo, a suo modo eccitante poliziesco, prototipo dell'efferato filone sul cittadino che si ribella, la cui logica delirante fa pendant con l'indubbia tensione, acuita dalla lugubre colonna sonora di Bill Hancock. L'impassibile Charles Bronson dagli occhi di ghiaccio reagisce allo stesso modo davanti al cadavere della moglie e alla bolletta della luce.