Chiamparino è serio E infatti il Pd preferisce la Bresso

Caro Granzotto, l’avvento del federalismo fiscale coincide con la tormentata fusione della «municipalizzata» Iride con l’altra «multiutility» Enia. Per il momento i cittadini torinesi hanno avuto ben pochi vantaggi da Iride che gode di una sorta di monopolio per la fornitura elettrica a Torino. Bollette con conteggi incomprensibili. Tariffe più care di Enel. Chiamparino si è dato un gran da fare perché la fusione andasse in porto. Forse ha lavorato pro domo sua, non essendo rieleggibile vuole crearsi benemerenze presso il Pd contribuendo alla creazione di un famigerato capitalismo municipale che si traduce in una sorta di capitalizzazione partitocratica, cioè l’espropriazione a livello locale dei beni pubblici dei cittadini ad opera di una classe politica sempre più famelica.Paolo Bressano - e-mail