La Chiatti e Fazio compagni di Celentano

L’attrice e lo showman chiamati dal cantante assieme a Di Battista, a Einaudi e alla Consoli

da Milano

Per ora i nomi certi sono Carmen Consoli, Stefano Di Battista e Ludovico Einaudi. Sono i tre personaggi musicali che affiancheranno Adriano Celentano nella cavalcata musicale di lunedì prossimo su Raiuno. Poi, a pochi giorni dalla messa in onda, cominciano ad affollarsi le indiscrezioni. Una riguarda Laura Chiatti, l’attrice che vive un momento magico (Ho voglia di te, L’amico di famiglia), richiesta da tutti. Pure Baudo ha cercato di convincerla ad essere al suo fianco a Sanremo, ma lei ha declinato. Il suo nome l’ha fatto ieri mattina Alfonso Signorini, direttore di Chi, nel suo show su Radio Monte Carlo. Un’ipotesi più che concreta visto che la Chiatti è stata protagonista della fiction su Rino Gaetano andata in onda con successo la settimana scorsa su Raiuno e prodotta dalla Ciao Ragazzi, del Clan di Celentano.
Altra indiscrezione riguarda Fabio Fazio, che pure ha un trascorso positivo con il Molleggiato visto che il cantante gli ha concesso una delle sue poche interviste televisive nello show Che tempo che fa lo scorso dicembre. Dunque Fazio potrebbe restituire la cortesia. Altri cantanti in ballo sono Mogol, Gianni Bella (che hanno collaborato al nuovo disco), Neffa e Tricarico.
Di certo c’è che ieri Adriano è entrato per la prima volta nello studio Rai di Corso Sempione a Milano, da dove andrà in onda lo show. Il titolo sarà «La situazione di mia sorella non è buona», che è attinto dal nuovo album del Molleggiato «Dormi amore - La situazione non è buona» in uscita nei negozi il 23 novembre. Il programma si snoderà tra i brani del nuovo album, gli ospiti e i monologhi, il tutto condito con ritmi cinematografici. Lo studio è pieno di telecamere e sul set c’è anche un bagno, dove Adriano non andrà a fare pipì come è stato scritto da un quotidiano, ma farà parte integrante della scenografia insieme ad altri elementi. Durerà 75 minuti e avrà una sola interruzione pubblicitaria. Quanto ai compensi per il Molleggiato, le forbice delle indiscrezioni è larghissima: sia va dai 700mila euro buttati lì da Libero ai soli 100mila ipotizzati dal Corriere della Sera. In ogni caso, un’operazione redditizia per tutti: per il cantante che, oltre a incassare il cachet, si garantisce una mega promozione per il cd. Per la Rai che, con gli incassi pubblicitari, copre abbondantemente le spese e, sicuramente farà un botto di spettatori. Quanto ai monologhi che hanno reso celebri le apparizioni tv di Celentano, probabilmente ce ne saranno alcuni, sicuramente ispirati a spunti di attualità e ai temi più cari al protagonista, come l’ambiente. Ma saranno più light rispetto a quelli di Rockpolitik, che fecero scalpore e contribuirono alla bagarre scoppiata tra il Clan e il direttore di Raiuno Fabrizio Del Noce. Uno scontro ormai archiviato: Del Noce punta molto su Celentano (e su Roberto Benigni, protagonista il 29 novembre de Il V dell’Inferno), per migliorare gli ascolti in crisi di questa stagione, tanto che il primo canale rischia di perdere la supremazia a favore di Canale 5. A celebrare la pace fatta tra i due, anche il promo dello show, che si apre con lo squillo di un telefono: da un capo del filo risponde Claudia Mori, dall’altro c’è proprio Del Noce. E dire che non si sono parlati per mesi, anzi si sono parlati solo tramite avvocati. Come cambiano i tempi, in poco tempo.