Chiavari, condannato maggiordomo infedele

Prima si è fatto assumere come maggiordomo e, con il passare del tempo, le ha alleggerito il conto in banca di 130 mila euro: per questo un cinquantenne di origine marocchina (D.O.), in regola con il permesso di soggiorno e residente a Rapallo, è stato condannato, per aver circuito la datrice di lavoro, a due anni di reclusione e alla restituzione del maltolto. La sentenza è stata emessa dal giudice Roberto Pasca del Tribunale di Chiavari. Il pubblico ministero per il maggiordomo infedele, accusato di circonvenzione di incapace, aveva chiesto un condanna a tre anni. L'imputato nel giro di un anno si era fatto dare dalla donna, età affetta da depressione cronica, 115 mila euro per acquistare un appartamento, poi altri 17 mila serviti per viaggi in Marocco.