«Chiavari è sporca ma non è colpa dei commercianti»

Chiavari è sporca, e la responsabilità non può essere attribuita ai commercianti: lo sostiene con particolare vigore il coordinatore di Forza Italia della città del Tigullio, Gianluca Ratto, che si rivolge direttamente al sindaco di sinistra Sergio Poggi. «Se da una parte è giusto - riconosce fra l’altro Ratto - chiedere la collaborazione degli esercenti per pulire il tratto di sottoportico o marciapiede davanti alla proprietà, dall’altra è profondamente sbagliato e ineducato criticare e promettere sanzioni nei confronti di una categoria che quotidianamente e nella maggior parte dei casi contribuisce a tenere alto il nome di Chiavari». Proprio per questo, insiste il coordinatore degli azzurri, non piace per niente l’intervento del sindaco: «La città deve molto ai suoi artigiani, ai suoi commercianti, ai suoi liberi professionisti. E questo vale una maggiore attenzione da parte del Comune a tenere pulite le strade e liberi i cassonetti della rumenta». Ratto, infine, invita il presidente dell’Ascom, «pur comprendendo il suo ruolo, e il fatto che bisogna scendere a patti anche col diavolo», a esprimersi «con qualche dichiarazione un po’ più rock e meno lenta che non soltanto auspichiamo, ma pretendiamo» per il bene e il decoro della città.