Chiavari Tifoso picchia i nonni per avere i soldi delle trasferte

Una passione è una passione. E quella per la squadra del cuore, si sa, è peggio di un amore tormentato,. Ma a tutto c’è un limite. Che è scritto sul codice penale quando per seguire la squadra del cuore si arriva a delinquere. È successo a Chiavari dove un giovane di 23 anni è stato denunciato per una sfilza di reati. Il ragazzo, per racimolare i soldi per biglietti e trasferte, non aveva certo cercato un lavoretto che gli consentisse di guadagnarsi qualcosa. No. Lui chiedeva denaro ai nonni e alla madre e, quando loro dicevano di no, lui li picchiava senza pietà. I soldi gli servivano anche per comprare alcol e droga. E giù botte ai parenti. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Chiavari gli episodi di violenza sono stati molti e sempre più eclatanti.