«Chiedevo solo igiene e decoro Mi hanno sommerso di minacce»

Dopo la mia nota, su LaStampa e il Giornale, sui piccioni al cimitero di Savona ho ricevuto una cinquantina di mail sulla mia casella di posta elettronica, tutte uguali e in più molte erano velatamente minacciose e intimidatorie. A tutte ho risposto civilmente. Però devo fare alcune considerazioni: sono anni che conduco battaglie politiche in difesa dei cittadini, umani e non, ho avuto scontri con personaggi ed organizzazioni che si mangiano gli animalisti integralisti a colazione.
Pertanto avviso gli estensori delle mail minacciose e intimidatorie che non mi faccio spaventare da alcuno. Tutto il livore che trasuda da queste mail non mi farà cambiare idea sugli animali che ritengo debbano essere difesi dalle cattive azioni degli uomini, invece penso che taluni sedicenti animalisti debbano essere difesi da sè stessi. Altro discorso è l'igiene e il decoro urbano che devono essere mantenuti.
Vista la tempistica delle mail e il testo, pressocché uguale a parte le minacce contenute in qualcuna, penso che siano frutto di una stessa regia.
Ho avuto il torto di toccare, tempo fa due argomenti molto delicati: il ritrovamento di una camera a gas per sopprimere gli animali di piccola taglia, in una sede di una associazione animalista e l'uso di una grossa somma di denaro per acquisire una sede della stessa, a mio avviso inutile. Tali mie indagini e valutazioni di ordine morale, hanno scoperto alcuni nervi dolenti.
Tanto per sdrammattizzare pensavo di essere inguaiato invece sono inguanato.

Consigliere Provinciale
Gruppo misto Savona