«Chiediamo alla Chiesa che diventi peccato maltrattare cani e gatti»

Il tribunale degli animali Aidaa lancia una petizione online e raccoglie firme per chiedere che tutte le confessioni religiose inseriscano questo reato fra i peccati da confessare

"Chiediamo che la chiesa cattolica riconosca come peccato grave il maltrattamento di animali e che ne renda obbligatoria la confessione al pari degli altri peccati. Così come chiediamo alle altre religioni, ciascuno secondo i propri riti, che maltrattare gli animali sia peccato". L'ultima petizione che corre sul web è firmata da Lorenzo Croce presidente del tribunale degli animali Aidaa: "Se San Francesco fosse qui oggi sarebbe d'accordo".
Nulla da eccepire. Ed ecco allora il sito online cui collegarsi per aggiungere la propria firma all'iniziativa di Aidaa: www.firmiamo.it/maltrattareglianimalisiapeccato. Ma questa non è l'unica petizione natalizia, il tribunale di Croce ha avviato una seconda raccolta firme per chiedere a gran voce il divieto temporaneo di vendere animali sotto le feste. "Un cane o un gatto ma anche un criceto o un topolino non sono regali - ricorda Lorenzo Croce - Un animale si può solo adottare dopo un consulto in casa, è una scelta consapevole e responsabile che coinvolge tutti i membri della famiglia". Il successo di quest'ultima petizione, precisa Croce, "dipende dal numero di firme che riusciremo a raccogliere". Per firmarla: www.firmiamo.it/proibitovenderecucciolianatale. Aidaa ha avviato sotto Natale la campagna "Dona una coperta a un canile": il 26 dicembre sono state donate 25mila coperte in cento canili e raccolti 35mila euro.