Chiesa di S. Luca Il Giornale chiede E il sindaco fa cancellare le scritte

Sono numerose e sempre puntuali le segnalazioni dei nostri lettori che chiedono al «loro» Giornale di farsi interprete presso le istituzioni di richieste, problemi, «mugugni» motivati. Una delle voci più recenti, a farsi sentire forte e chiara , è stata quella di Luigi Parodi da Courmayeur - abbiamo pubblicato la sua lettera pochi giorni fa - che lamentava come il sindaco Marta Vincenzi non avesse ancora fatto cancellare le scritte offensive apparse da tempo sui muri della chiesa di piazza San Luca e degli uffici limitrofi. Ebbene, ieri Luigi Parodi, nonostante gli impegni di lavoro che lo portano spesso fuori Genova, in particolare in Valle d’Aosta e nell’estremo sud del Paese, ha trovato il tempo e la cortesia di inviarci una nuova lettera in cui ci comunica che «le vergognose scritte sono state cancellate. Pertanto - aggiunge Parodi, sempre da Courmayeur - anche se il provvedimento deriva da svariate segnalazioni ed è peraltro un preciso dovere, al merito della sindaca comunista Vincenzi va reso onore». Un onore che ci sia consentito condividere, oltre che con il sindaco, anche con tutto il «popolo» degli affezionati lettori del Giornale.