Chiesto il processo per cinque banche

Parmalat

La Procura di Milano ha insistito ieri nella richiesta di rinvio a giudizio di cinque istituti di credito e di 13 loro funzionari con l’accusa di aggiotaggio in relazione al crac Parmalat. I pm Francesco Greco, Eugenio Fusco e Carlo Nocerino hanno chiesto che siano processate Deutsche Bank, Ubs, Citigroup, Morgan Stanley e la società di gestione del risparmio di Banca Intesa, Nextra. Il pm Fusco ha spiegato, nel corso dell’udienza preliminare, che «il caso Parmalat non è stato solo il caso legato al crac di una delle più grandi multinazionali europee, ma anche all’utilizzo spregiudicato dei corporate bond». «Fu sconcertante scoprire che un’azienda che contabilizzava 4 miliardi e mezzo di euro non riuscisse a far fronte a un bond da 150 milioni».