Le chiocciole giganti "Invadono" la città

Arte in città. Dodici
chiocciole fucsia, alte più di due metri e lunghe tre - simboli della lentezza -, hanno occupato il centro e da piazza Scala e piazza San Fedele. <a href="http://www.ilgiornale.it/fotogallery/milano_chiocciole_che_rigenerano_ci... target="_blank"><strong>Guarda le foto
</strong></a>

Dodici chiocciole fucsia, alte più di due metri e lunghe tre, hanno occupato il centro di Milano, capitale italiana del vivere frenetico, e da piazza Scala e piazza San Fedele dove per il momento si sono fermate, a gennaio migreranno prima in piazzetta Reale e poi, in fila indiana, arriveranno davanti alla Stazione Centrale. L’invasione delle lumache giganti non è un incubo fantascientifico, ma la nuova istallazione di Cracking Art, un gruppo di sei designer noti che già due anni fa avevano esposto enormi coccodrilli colorati su alcuni edifici di Milano. Questi ingombranti simboli della lentezza, realizzati in plastica riciclata, rappresenteranno un monito quotidiano a una città che corre verso l’Expo 2015 e che proprio quest’anno ha celebrato il centenario del futurismo. «La velocità non sempre è una virtù - ha spiegato l’assessore comunale alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory, che ha patrocinato l’istallazione - e queste chiocciole per le strade sono un invito non solo alla lentezza, ma anche all’ascolto, visto che la loro forma ricorda quella dell’orecchio. La chiocciola poi è un animale che si muove con la sua casa sulle spalle e noi vogliamo far muovere Milano assieme all’ambiente». Dopo la sosta in città, Cracking Art e il Comune intendono far migrare le chiocciole fuori dall’Italia, partendo da Amman, Tel Aviv e Chicago, gemellate con il capoluogo lombardo, per poi riportarne 120 esemplari a Milano nel 2015, anno dell’Expo.