Chioggia: cadavere con testa tagliata, arrestato un moldavo

Il macabro ritrovamento in un canale a Cavanella d'Adige. La vittima è un ucraino, il presunto assassino un moldavo di 28 anni

Chioggia - Macabro ritrovamento in un fiume nei pressi di Chioggia. Una parte della testa di un uomo, mutilata ai lobi e al naso, è stata trovata nel fiume Brenta a Cavanella d’Adige. Il corpo non è stato ancora rinvenuto e gli investigatori ritengono possa essere stato smembrato e disperso. I carabinieri sono riusciti a risolvere il caso nel giro di poche ore. A coordinare le indagini il pm Francesco Saverio Pavone che da stamani si trova sul posto assieme ai militari dell’Arma del Reparto operativo di Mestre e della Compagnia di Chioggia. Sono stati allertati i sommozzatori dell’Arma che scandaglieranno il fiume alla ricerca del resto del corpo. La vittima è di nazionalità ucraina, di 30 anni, con regolare permesso di soggiorno, e viveva a Campalto, nel veneziano, dove risiede anche la moglie che non è stata ancora rintracciata. Il presunto assassino è invece un moldavo, di 28 anni, ed abitava con la madre a Sottomarina di Chioggia, dove è stato arrestato.