Chiquita crolla a Wall Street

La Borsa americana è alla ricerca di una tendenza, con i tre principali indici che alle 21 ora italiana, registravano un andamento contrastante: mentre il Nasdaq, che comprende i titoli tecnologici, ha stazionato per tutta la giornata in territorio positivo, il Nyse e lo St&P sono rimasti a ridosso dei livelli di mercoledì. In evidenza il titolo Google, che recupera il 2%, mentre sul fronte aziendale Fannie Mae è in rialzo del 4,1%. Chiquita Brands cede oltre il 6% alla pubblicazione dei dati trimestrali, che evidenziano i danni provocati al settore bananiero dalle tempeste tropicali. Chiusure quasi in parità a Parigi e Francoforte, con Thomson che cresce di quasi il 6% per la riduzione della perdita di bilancio, mentre sul mercato tedesco ancora in rialzo Metro (più 3,8%). Irregolare Londra, per un nuovo crollo di Reuters (meno 11,6%), ma in calo anche Bae (meno 4%). In controtendenza Body Shop, che guadagna oltre il 12%, all’annuncio di un interesse da parte della francese L’Oréal.