Chirac contro Bush: "La guerra in Irak ha favorito il terrorismo"

Parigi - Chirac contro Bush. Sul terreno della guerra in Iraq. E' una bocciatura totale quella del presidente francese Jacques Chirac che si è sempre dichiarato un feroce oppositore del conflitto. "La guerra ha offerto al terrorismo nuovo terreno di espansione. Adesso la priorità è rendere agli iracheni la loro sovranità". Chirac ha definito la guerra "un'avventura iniziata dagli Stati Uniti nel marzo del 2003". "Come la Francia temeva - ha aggiunto il presidente francese - la guerra in Iraq è precipitata in una situazione di confusione che non ha finito di avere i suoi effetti". Per Chirac, questa guerra "ha inasprito la spaccatura tra le comunità e ha scosso l'integrità dell'Iraq. Ha indebolito la stabilità dell'insieme della regione dove ogni paese, ormai, è ansioso per la sua sicurezza e la sua indipendenza". La guerra "ha offerto al terrorismo un nuovo campo di espansione", e adesso, ha concluso Chirac, "la priorità, più che mai, è di rendere agli iracheni la loro intera sovranità".